La nostra Vandea vittoriosa

13 giugno, giorno di Sant’ Antonio da Padova e data fondamentale nella storia di Napoli, poiché è il giorno in cui le truppe sanfediste del Cardinale Fabrizio Ruffo di Calabria rinconquistarono la capitale sottraendola al controllo dei giacobini che avevano proclamato la Repubblica Partenopea per poi asservirla alla Francia rivoluzionaria. Il 13 giugno 1799 al Ponte della Maddalena, dopo la caduta dei giacobini del forte di Vigliena, ebbe luogo l’ultima decisiva battaglia, la cui vittoria permise alle truppe lealiste di entrare in città, completandone la riconquista con la resa delle guarnigioni tenute dai traditori rivoluzionari di Castel dell’ Ovo e Castel Sant’Elmo. Di lì a poco il Regno delle Due Sicilie venne ristabilito e re Ferdinando IV ritornò sul trono. Il tredici giugno, giorno del glorioso Sant’ Antonio e della nostra gloriosa Vandea vittoriosa. Ora e sempre morte alli giacubine!  Sancte Antoni, ora pro nobis nunc et semper.

Sant’ Antonio protegge le truppe sanfediste, stampa popolare dell’epoca

Alli tridece de giugno Sant’Antonio gluriuso

‘e signure, ‘sti birbante,

‘e ffacettero ‘o mazzo tanto!

So’venute li Francise

auti tasse ‘nce hanno mise.

“Libertè, ègalitè”:

tu arruobbe a mme,

ie arrobbe a tte!

Sona sona
sona Carmagnola
sona li cunziglie
viva ‘o rre cu la Famiglia.
Sona sona
sona Carmagnola
sona li cunziglie
viva ‘o rre cu la Famiglia.

Passaje lu mese chiuvuso,

lu ventuso e l’addiruso;

a lu mese ca se mete

hanno avuto l’aglio arrete!

Viva Tata Maccarone

ca rispetta ‘a Religgione,

Giacubine jate a mmare

mò v’abbrucia lu panaro!

Peppe Barra, Canto dei Sanfedisti